Il progetto Chicco di Felicità

Il Chicco di Felicità, un simbolo per tutti coloro che desiderano mettersi dalla parte dell'infanzia in difficoltà.

Ad oggi sono oltre 530.000 le persone che, acquistando il Chicco di Felicità, hanno contribuito a ridare il sorriso a tanti bambini in difficoltà. Il Chicco di Felicità sostiene l’Associazione CAF – Centro di Aiuto ai Minori e alla Famiglia in crisi – dando continuità all’impegno ultra decennale di Chicco al fianco dei bambini meno fortunati. Il progetto solidale supporta, infatti, da un lato gli interventi specialistici di sostegno alle famiglie in crisi - col duplice obiettivo di prevenire il maltrattamento sui minori e aiutare a recuperare le competenze genitoriali necessarie a preservare le relazioni affettive fra genitori e figli – dall’altro garantisce protezione e cura ai bambini con famiglie fragili perché ritrovino la serenità e recuperino la fiducia negli adulti.

a-che-punto-siamo-1
a-che-punto-siamo-2

Il Chicco di Felicità ed il sostegno domiciliare alle neomamme.

Grazie al progetto Chicco di Felicità e a tutte le persone che vi hanno preso parte, lo scorso anno il servizio di prevenzione “Diventare Genitori” dell’Associazione CAF ha potuto accogliere 12 nuovi nuclei familiari e dare continuità al percorso di accompagnamento di 9 famiglie già prese in carico negli anni precedenti. Un team di operatrici specializzate ha potuto fornire a questi nuclei fragili e a rischio (segnalati perlopiù da Ospedali, Consultori e Servizi Sociali) un sostegno individualizzato, basato sui bisogni specifici di ciascun componente della famiglia, con l’obiettivo che i genitori potessero sviluppare un adeguato legame con il nuovo nato ed essere in grado di rispondere alle sue esigenze.

SCOPRI

 

Il Chicco di Felicità e l'accoglienza e la cura residenziale dei minori 3-12 anni.

Nell’ambito della protezione e cura dei minori accolti in Comunità, è stato invece possibile realizzare uno “spazio per i piccoli”, dedicato ai bambini nella fascia prescolare che sono in attesa di essere inseriti nelle nuove scuole materne di riferimento. Per questi bambini sono state pensate proposte pedagogiche specifiche per la fascia di età (attività ludiche e ricreative, uscite al parco e in biblioteca, etc), attraverso le quali hanno potuto sperimentare un contesto in grado di sostenere il loro percorso di crescita.

SCOPRI

a-che-punto-siamo-3