Gioco

Primi giochi, prime scoperte

Attraverso il gioco il bambino migliora le sue capacità, impara e cresce.

primi-giochi-prime-scoperte

Nel secondo semestre della sua vita, il tuo piccolo fa grandi progressi. E’ una soddisfazione vederlo seduto senza bisogno di supporto, che osserva con attenzione i suoi giochi e si attiva per poterli toccare, per afferrarli e poi portarli alla bocca per esplorarli.

Ma non solo, giorno dopo giorno impara a coordinare anche i movimenti più precisi, prova a scuotere gli oggetti per sentire se fanno rumore, capisce come premere, aprire e chiudere le parti di un giocattolo. Dopo i 9 mesi impara ad afferrare con il pollice e l’indice riuscendo così a manipolare con sempre più precisione pulsanti, rotelline e tasti. E’ bello osservare la sua soddisfazione quando si accorge che l’oggetto risponde ad un suo gesto. Il suo faccino si illumina quando, premendo un pulsante o spostando una leva vede accendersi una luce, sente la sua canzoncina preferita o quando, spingendo un giocattolo, questo rotola lontano tintinnando. Provare a raggiungerlo è una tentazione irresistibile!

Il gioco come stimolo e crescita

La sua curiosità e la sua voglia di sperimentare situazioni nuove è inesauribile; la sua attenzione ora è sempre più attratta dal mondo degli adulti e dai loro gesti quotidiani. Come mamma e papà, vorrebbe parlare al telefonino, ascoltare la radio o scattare una foto. Mettiamogli a disposizione giocattoli ricchi di stimoli e di attività, adatti a questa fase del suo sviluppo. Lo vedremo impegnato a coordinare sempre meglio i suoi movimenti, a comprendere le diverse funzioni del giocattolo, a tentare, riprovare, riuscire.

Proprio la gratificazione per avercela fatta lo incoraggerà ad intraprendere attività più impegnative e lo spingerà verso nuove scoperte, fondamentali per la sua crescita.

Potresti essere interessato a

Sullo stesso argomento