Essere Donne e Madri: l’Intervista a Nina Rima.

Cosa significa essere donne e madri?

https://www.chicco.it/dw/image/v2/BJJJ_PRD/on/demandware.static/-/Sites-Chicco-Italy-Library/it_IT/dw38c1c188/NINA_RIMA_2_1440X810px.jpg

Noi diamo il potere agli eventi di ferirci o fermarci: con queste parole Nina Rima ci spiega come riuscire ad essere donne e madri, senza mai arrendersi.

Ha 22 anni ma possiede già la saggezza e la lungimiranza di chi ha vissuto una vita intera. Nina Rima è una modella, una donna che sta costruendo il suo futuro, e madre della piccola Ella Noa.

Nina ha seguito la forza dei suoi desideri con tenacia, caparbietà e la volontà di combattere per realizzare i suoi sogni. Professionali e personali. Uno tra tutti: avere una famiglia.

Ciao Nina, raccontaci: hai sempre sognato di diventare madre?

Fin da quando ero piccola! Tormentavo i miei genitori perché volevo un fratellino, oppure gli chiedevo di adottare un bambino perché sognavo di accudirlo. Era un desiderio quasi innato, e quando ho trovato Giuseppe ho subito capito che potevo realizzarlo. Il mio sogno di essere madre era talmente forte che ho convinto anche lui!

Come ha cambiato la maternità il tuo lavoro di modella?

Una skill importantissima: la pazienza. Ora sono molto più calma, perché capisco che è essenziale organizzare tutto per il meglio, in modo da incastrare gli impegni di lavoro con le mie responsabilità nei confronti di mia figlia. Per fortuna insieme a Giuseppe riusciamo a coordinarci senza sforzi.

  

Per Nina la resilienza è una caratteristica fondamentale: a 17 anni un incidente l’ha privata di una gamba, ma questo non l’ha fermata. È stata definita “un esempio” per tante donne, grazie alla sua tenacia e caparbietà che l’ha resa una bionic mom (come ama definirsi) e una modella straordinaria. Eppure, Nina non ha paura di mostrarsi in tutte le sue sfaccettature: donna, madre, lavoratrice, ma anche una persona che affronta momenti difficili.

Per superarli, come ci racconta, è necessario esprimersi, creare una sinergia tra noi e i nostri affetti, e anche una vera e propria “alleanza” con gli altri.


Ci ha colpito molto un tuo post dove ricordi il 21 aprile e ti concedi la possibilità di essere arrabbiata e frustrata. Secondo te in questi tempi è importante anche manifestare i propri sentimenti per non “disumanizzarsi”?

Non trovo naturale dover nascondere i sentimenti, è fondamentale esprimere ed esternare quello che si prova per vivere una vita serena. Io cerco di esprimere sempre tutti i miei sentimenti, che riesco a tramutare in “positivi” anche grazie alla straordinaria rete di affetti e fan che mi supportano ogni giorno. Avere una “rete” è fondamentale.

 

Cosa pensi che impedisca alle donne e madri di realizzarsi oggi?

La società sicuramente ha ancora molte cose che non funzionano, ma perdere le speranze, rinunciare o arrendersi non ci aiuterà mai. Dobbiamo trasmettere valori e sogni ai nostri figli, poi sta a noi decidere se gli ostacoli ci impediscono o meno di fare qualcosa: noi diamo il potere alle cose di ferirci o di fermarci. Quando ci rendiamo conto di questo, possiamo davvero cambiare le cose.


 Nina ci ha raccontato cosa significa per lei essere #mammaE: non solo madre, ma anche una donna che ha affrontato la vita seguendo i propri sogni. E ci salutiamo con un messaggio importante per tutte.



A volte tendiamo a essere troppo competitive, ma penso che essere unite sia fondamentale per noi donne. Se trovi qualcuno che la pensa diversamente non devi cambiare il tuo modo di essere: continua a essere la mamma che sei; la donna che sei, e continua a supportare le altre donne come puoi .


Raccontaci di come è cambiata la coppia dopo la nascita di vostra figlia.

Inaspettatamente, da quando siamo genitori siamo ancora più innamorati e uniti di prima. Ci dividiamo tutti i compiti equamente, quando serve lui fa la lavatrice o il bucato, insomma siamo perfettamente “sincronizzati”!

 

Come conciliare il lavoro con l’essere mamme? Hai qualche suggerimento da dare alle future neo mamme / lavoratrici?

Diciamo che ogni mamma è diversa, ognuna con i propri sogni e differenti obiettivi… per me il “motore” è sempre stato il desiderio: se vuoi qualcosa, che sia realizzarti professionalmente oppure essere madre, devi seguirlo e combattere per realizzarlo.